Sono libero di pensare a te quanne me fa mal ‘a cap, pecche sol ij sent o burdell e sti piazz c nun fann rummore. E sient, e criature stann jucann ‘o pallon, a signor o’ terz pian sta facenn ammore e a zitell là sott s sta facenn nu bullore, pecche ro purtier è gelos ma iss o sape…