Tagged with

#napoli

Intervista ad Alessandro D’Alatri, da Roma a Pizzofalcone

In occasione del workshop intensivo gestito da Alessandro D’Alatri sulla “figura dell’attore e la regia dello stesso” presso il Centro Teatro Spazio (di cui puoi vedere una clip cliccando qui), luogo incantevole che ho la fortuna di frequentare, ho avuto l’occasione di intervistare il regista, e soprattutto conoscere l’Uomo, che c’è dietro la cinepresa. Alessandro trasporta il vissuto del mondo attorno…

Liberato è … 'o Munaciello

A Napoli c’è una leggenda popolare molto famosa, che come tanti napoletani ho avuto la fortuna di ascoltare dalle parole di mia nonna. La leggenda parla di un uomo basso, incappucciato, che può arricchirti o mandarti in miseria. La nonna mi raccontava che se ti prendeva in simpatia, questo, quando nessuno lo vedeva, ti donava ricchezze. Ma, e sottolineo ma,…

L'altro giorno sono stato un pericolo nazionale

Nella funicolare di Napoli, appena riaperta dopo più di un anno di lavori in corso (leggetelo con toni scabrosi), ho avuto una serie di pensieri tutti collegati al terrorismo. Improvvisamente volevo gridare Allah akbar. Non avevo nessun dispositivo, né voglia di uccidere tranquilli. Ma una strana voglia di toccare parole difficili da ascoltare, mi invadeva il corpo. Come quando da…

Sambuca – 10 – Lontani da casa, è sempre HANGOVER

Il vento caldo entrava dalla finestra spostando la tenda. La stanza odorava di alcol e piscio. Volevo andar via quella mattina, andare via dall’India. Qualcosa mi portava lontano ma avevo il gran timore di dirlo a Giordano. Sarei stato la Pantera Rosa se non avessi trovato la stanza così. In quel terribile stato. E adesso. Attraversai la stanza e vidi…

Intervista a Tommaso Primo, il Naïf di Marechiaro

Tommaso Primo, giovane cantautore napoletano, ha già inciso due album: Posillipo Interno 3 e Fate, Sirene e Samurai. Estremamente creativo, Tommaso è capace di mischiare tra loro più culture nelle sue canzoni, non perdendo mai di vista il suo modo di fare da “equilibrista, tra ciò che è bello e ciò che è trash”, frutto di una leggerezza e una genuinità che lo contraddistinguono.